home page      chi siamo      attività     dove siamo      calendario gare       campi di gara      risultati e classifiche      news    

 

Pubblicato luglio 2008

Terranova di Pollino –Se deve essere Parco Naturale per la gente che ci vive, allora lo deve essere anche per tutti gli altri, enti pubblici compresi!!

Questa la motivazione che ha spinto la Società Pesca Sportiva Sarmento-Pollino ad attivarsi per una raccolta firme, nel tentativo di impedire che, Acquedotto Lucano capti in maniera definitiva la sorgente della Duglia. La sorgente, situata a 1388 metri di altitudine, nel cuore della zona 1 del Parco Nazionale del Pollino, è stata già in parte captata negli anni settanta dal comune, per alimentare la frazione di Casa del Conte, in questi ultimi mesi, Al ha presentato un progetto, già in parte autorizzato, per rifare la captazione e per aumentare la portata dell’acquedotto, quest’ultimo intervento, se realizzato, lascerà a secco gran parte del torrente Sarmento. Quindi, lasciamo immaginare il gravissimo danno che si ripercuoterebbe sull’ecosistema fluviale. L’iniziativa della Sarmento-Pollino, ha riscontrato un notevole consenso, infatti, in breve tempo sono state raccolte più di cinquecento firme – ci comunica il responsabile del settore ambiente dell’associazione – e siamo intenzionati a continuare per tutta l’estate, anche per sottolineare in maniera forte quei soprusi che sono stati compiuti nell’area del Parco Nazionale, proprio per quanto riguarda l’utilizzo delle acque. Attualmente, non vi è rimasta una sola sorgente, che possa essere definita tale, negli ultimi tempi è stato prosciugato persino il “suggestivo” canale di Iannace, nel territorio di San Severino, attraversato dallo storico sentiero che porta al santuario della Madonna del Pollino e senza che nessuno si sia opposto in maniera seria. Ma allora viene da chiederci, ma il Parco, non avrebbe dovuto tutelare tutti i beni ambientali? Oppure i vincoli si applicano solo alla povera gente, mentre, tutti gli altri possono fare ciò che vogliono? Una volta non c’era una regola che citava “La Legge è Uguale per Tutti”,  a noi onestamente pare proprio il contrario e chi ha il potere, come AL, fa come meglio crede operando anche a discapito dell’ambiente incontaminato del Pollino. Una ulteriore captazione di quest’importantissima sorgente, ci spiega il presidente dell’associazione di pesca, condizionerà notevolmente l’ambiente acquatico del bacino della Val Sarmento, portando al totale prosciugamento del corso del torrente Sarmento, anche nel periodo primaverile. Il progetto di captazione della Duglia, rientra nei programmi che Acquedotto Lucano vuole concretizzare a breve termine, con lo scopo di potenziare quanto più possibile lo schema idrico del Frida.Questo progetto ha già trovato forte opposizione anche da parte dell’Amministrazione Comunale di Terranova che, in data 31/03/2008 con delibera n. 006 del Consiglio Comunale ha espresso, all’unanimità dei consiglieri, parere contrario a simile opera.

Stefano Riccardi

il Quotidiano della Basilicata

www.ilquotidianodellabasilicata.it